Tag: genitori

Gio

05

Mag

2011

MI SI E' SPACCATO IL CUORE......

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Cari tutti,ho bisogno di sfogarmi..Ho 36 anni,una storia di fidanzamento senza amore che si trascina da anni e che nessuno dei due ha il coraggio(per mille motivi...)di troncare e ieri mi è venuta qui una tristezza e un senso di essere una figlia ingrata,da farmi star male.Pure ora,nella mia mente c'è questo tarlo.

Ho un papa' che adoro,è la persona piu' importante della mia vita,un esempio,un idolo.che spero viva ancora a lungo,nonostante abbia gia' superato la settantina..Ebbene,ieri mi ha detto tra il serio e il faceto, che vorrebbe poter conoscere i suoi nipotini,cioè mi ha chiesto cosa aspetto a sposarmi e a mettere al mondo bimbi,come fanno tutte le altre ragazze,che alla mia eta', son gia' quasi nonne..Lui conosce e apprezza il mio fidanzato,lo reputa veramente un bravo ragazzo(e lo è ),ma il problema è che non sa che se non mi son ancor decisa a formare una famiglia con lui,è perchè non lo amo e la nostra storia è in crisi,morta,senza complicita',da rendermi infelice e spenta da tanto tempo.

Povero papi,immagino che senso di tristezza possa provare quando vede tutti i suoi coetanei che tengono per mano i loro cari nipotini e lui,invece,causa me, non puo' provare questa gioia..Io,che darei la vita per il mio papi,gli procuro un dispiacere cosi'...Come vorrei aver trovato il vero amore e aver gia' regalato ai miei genitori nipoti da amare... Non so come andra' a finire,ma per ora,ho il cuore a pezzi:uno,causa la mia storia in crisi nera,due ,perchè non so se potro' mai fare al mio papi,il regalo piu' importante che vorrebbe ricevere da sua figlia.CHE TRISTEZZA............MI SENTO UNA FALLITA......

Mer

24

Nov

2010

La mia vita fa schifo

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Ho 18 anni e sono venuta in Danimarca questo giugno con i miei genitori e abbiamo deciso di trasferirci qui perché in Italia ormai non ci sono speranze per i giovani. Devo dire che non é facile, sto studiando la lingua ma chissá quando la impareró: i miei non fanno che scassarmi da mattina a sera, sono giorni che mio padre resta fino a tardi sul computer e si sveglia di mattina alle 6 per stare sul computer. Sto sclerando, ho mal di testa ogni mattina, é una cosa che non mi da pace, cosí stamattina mi sono girati i ******** e sono andata ad urlargli su, perché fa casino ogni volta e mi sveglia, cosí mia madre ha sentito che litigavamo e si é svegliata, causando una lite di famiglia. Ma il bello é che dà ragione a mio padre! Cioé io mi sento ogni giorno uno schifo perché ho mal di testa e mi sento stanca perché non riesco a dormire abbastanza perché lui mi sveglia e lui avrebbe pure ragione?!Aa parte questo, vado in un liceo danese e chiaramente io i compiti li faccio per quanto posso, adesso mica posso mettermi a studiare tutte le materie in danese che manco lo parlo ancora decentemente, sarebbe uno studio a memoria che non porterebbe a niente!! Ho in classe pure uno studente argentino e lui mi ha detto che i compiti non li ha mai fatti, a differenza mia, e mia madre mi urla dietro dicendo che non studio mai...a parte che lavora tutto il pomeriggio e non é a casa, quindi che ***** ne sa lei se studio o meno. Ma che ***** vuoi?! La mattina sono tutto il giorno a scuola fino alle 3 e poi dal lunedi al venerdi, e poi il martedi e il giovedi di pomeriggio ho il corso di danese: ma ***** vuoi?!? Per quanto riguarda gli amici ne ho qui, e mi trovo molto bene con la classe. Sono i miei che rompono ogni santo giorno, non vedo l'ora di imparare meglio il danese e di trovarmi un lavoro e potermene andare di casa, perché qui a casa mia é sempre colpa mia per tutto! Cosí stamattina mi sono sfogata piangendo, non perché sono disperata, ma ho pianto per il nervoso che mi procurano ogni giorno. Voi cosa fareste al mio posto?

Sab

12

Giu

2010

Sto con lui ma i miei no vogliono

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Io e lui amanti da 1 anno e tre mesi,lui divorzia con la moglie adesso stiamo insieme felicemente!

Sono passati piu di 2 anni,lui 29 anni con 2 bambini io 20anni!

i miei genitori non accettano la sua situazione: che fare? ci amiamo da morire anche se litighiamo molto spesso perche lui e' super geloso! aiutatemi....

Ven

11

Dic

2009

Ho preso un sacco di calci e ho voglia di ridarli!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

I miei genitori sono terribilmente invadenti, soprattutto mia madre.Sin da quando ero piccola hanno sempre pensato di possedere un diritto di potere sul mio corpo e sul mio cervello, che mi rendeva in tutto e per tutto una loro "creatura". Comincio col dire che mi picchiavano spesso, una volta mio padre mi ha persino dato una sberla al mio compleanno, davanti a tutti i miei compagni di classe (pensate che bel regalo) solo perchè avevo fatto sgocciolare un pò di coca cola sul tappeto. Non vi dico gli abusi fisici e psicologici che ho dovuto passivamente subire. Questo mi ha resa sin da piccola una bambina insicura da morire, ingenua, più indifesa di cappuccetto rosso, con un'autostima direttamente nel buco del..... ci siamo capite. E naturalmente immaginerete quanti "lupi" affamati ho incontrato sul mio cammino. Sono stata il pupazzo di fidanzati e amiche, dall'infanzia fino a un paio di anni fa tutti, a parte rare eccezioni, non appena si accorgevano di quanto fossi fragile e bisognosa di affetto mi usavano e mi spremevano fino allo stremo delle forze, e io non mi ribellavo solo perchè sono stata cresciuta da due nevrotici invadenti che hanno ripetutamente trattato il mio corpo e la mia mente come fossero cose di poco conto, che tutti potevano tranquillamente manipolare e buttare a loro piacimento, senza mai insegnarmi a mettere limiti, paletti, a difendermi, senza insegnarmi il rispetto per me stessa, ma solo che in una cretina come me potevo avere sfiducia totale, che tutte le ragazze del mondo erano migliori, più belle, più intelligenti, più astute, e io potevo solo far loro da scendiletto. Riponevano enormi aspettative sulla loro prima figlia, talmente grandi che ogni misero errore era la riprova che non ero la superfiglia che avrebbero voluto, ma solo un individuo sbagliato, un aborto del loro sistema educativo. Naturalmente potete immaginare come tutto questo si sia ripercosso sulla mia vita sociale, a scuola sono stata sempre uno zero assoluto, non mi mettevo nemmeno sui libri perchè dicevo "ma che lo faccio a fare? sono cretina!", sono stata lo zimbello di classi intere, persino alcuni professori si sono accaniti contro di me. Sono sempre passata con medie bassissime e solo per il rotto della cuffia (e per intercessione di mio padre, stimato professionista della mia città... a riprova che "quelli che benpensano" sono "mani che fan cose che non si raccontano, altrimenti le altre mani chissà cosa pensano, si scandalizzano..."). io d'altra parte mi comportavo anche da zimbello, perchè ormai pensavo di poter solo mendicare un piccolo posto nel mondo, quello che gli altri magnanimamente mi avrebbero lasciato dopo essersi fatti le loro posizioni, se solo avessi saputo divertirli a sufficienza. Per quanto riguarda le relazioni sentimentali basta che vi dica che ho sempre avuto uomini-padri, sempre più grandi, più capaci di me, che speravo mi potessero proteggere e guidare, ma nelle mani dei quali rimanevo sempre più piccola e quindi abusabile, oppure avevo relazione con disgraziati morti di fame, anche tossici, immigrati clandestini, persone che non potevano darmi nulla e che in effetti non mi hanno dato un fico secco, facendomi solo del male, anzi alla fine sfruttandomi (e mi sono lasciata sfruttare naturalmente), usandomi come dispensatore di quei pochi soldi che possedevo, mettendomi in situazioni di droga, alcool e dio sa cos'altro. Insomma, ero una sfigata, una perdente, una che sente di non valere nulla e in effetti non vale un c...o.

Poi 2 anni fa sono crollata. Dopo aver mollato l'università per l'ennesima volta (non preparavo gli esami, passavo il tempo a farmi le canne o mi venivano gli attacchi d'ansia a lezione, nemmeno seguivo) fanno seguito: tentativo di suicidio, ricovero in clinica, uscita dalla clinica, inizio ennesima terapia psicologica con farmaci. Questa volta però si è rotto qualcosa, improvvisamente ho deciso che non volevo essere più la sfigata di sempre e per cambiare ero anche disposta a vendermi l'anima. Ci ho messo 2 anni ma ho ripreso l'università, ho cominciato a dare gli esami, ho lasciato l'ennesimo ragazzo del c...o, mi sono ripresa la mia vita. Ma soprattutto sono cambiata dentro: ho fatto un bel pò di autocritica, pesante come un macigno, prendendomi tutti gli errori fatti fin'ora, e capendo che il mio comportamento era una nevrosi derivata da come mi avevano trattato i miei, da come ero stata cresciuta e dal fatto che non erano mai riusciti ad accendere la fiducia in me. Mi sono ripresa il mio corpo, il mio cervello, ho cominciato ad amarmi (ci sto lavorando). Ora so che non passerà nessun principe azzurro a salvarmi, che o lo faccio da sola o niente. Sento che sto cambiando, e intorno si vede: gli esami che ho dato fin'ora, tutti 30; i ragazzi, di sfigati bastardi e manipolatori nemmeno l'ombra (forse si sono accorti che ora mi so difendere???); con i miei, per la prima volta riesco a recitare che nemmeno eleonora duse alla scala di milano, li frego e li rifrego come mi pare e lo stesso con le persone: sto imparando a capire come trattare con gli altri, come avere il mio "do ut des", il mio rendiconto, senza che nessuno possa più sfruttarmi. Sto imparando a prendermi quello che più voglio e mi piace, senza dover chiedere niente a nessuno. Sono stronza, dite? sì, magari lo sono. è solo che ho preso talmente tanti calci nel sedere che ora ho voglia di ridarli a chi per primo mi sbarra la strada e stranamente non mi sento per niente in colpa, anzi, il senso di colpa ce l'avevo prima, quando mancavo di rispetto a me stessa lasciando che tutti mi mettessero i piedi sopra, non reagendo alle angherie, non facendo nulla per migliorare.

Il fatto è che ora mi sono scoperta bella, intelligente, apprezzabile e voglio usarmi, voglio usare queste cose prima che sia troppo tardi, non permettendo a nessuno di farlo al posto mio. il bello è che non sento più il bisogno di avere qualcuno vicino come prima. Non voglio ne un uomo nè un amante nè un surrogato di amico (per ora). ora io sono l'unica ad avere potere sul mio corpo, sul mio cervello, sono l'unica a sapere cosa è meglio per me. e soprattutto voglio applicarmi al problema della risoluzione della mia felicità. il primo che si piazza davanti è un uomo morto, e io non faccio prigionieri.

Dom

27

Set

2009

Grosse responsabilità e problemi

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ho 18 anni e non ho ancora dato il mio primo bacio, cerco la lei giorno per giorno ma niente.

I miei contano su di me per portare un domani avanti l'azienda di famiglia, lavoro già con mio padre e alla sera vado a scuola, corso serale: è una fortuna la mia ma è difficile da gestire e ogni giorno sempre più penso di non riuscire a farcela, penso di non riuscire a prendere il diploma,penso di non riuscire a continuare l'operato di mio padre, penso di non riuscire a trovare l'amore.

A volte vorrei scappare ma ci ripenso nel momento in cui mi rendo conto che ogni attimo perso potrebbe rovinare tutto, non scappo e non mi impegno nella ricerca di quella lei perché sino ad oggi non ho trovato, tutto perx amore di dare, concedere la giusta soddisfazione ai miei genitori che mi amano ma che meritano di più. 

Lun

20

Lug

2009

Ai miei genitori non piace il mio ragazzo perché

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Ciao a tutti!

Allora scrivo qui perché non so veramente cosa fare...io e io mio amore stiamo insieme da 1 anno...

7 mesi fa l'ho presentato ai miei ufficialmente diciamo: io vado a casa sua regolarmente e lui anche veniva a casa mia. Coi suoi ho un ottimo rapporto e anche lui coi miei aveva un rapporto ottimo; solo che un mese fa il mio ragazzo ha smesso di venire a casa mia perché i miei lo vedono un pò male per il fatto che ha un linguaggio un po colorito nel senso che dice un po' di parolacce...

Poi perché quando deve fare un paragone con me mette nel discorso la sua ex...tipo: eh I è brava con me invece la mia ex era stronza; oppure eh voi siete dei genitori molto buoni invece i genitori della mia ex...ecc ecc...

Io so che lui non lo fa a cattivo fine ma i miei lo vedono un po male per queste cose. Poi mia sorella è una tipa molto silenziosa che a volte ha il broncio poiché è lunatica... il mio amore quando veniva a casa mia e la vedeva cosi' le chiedeva cosa avesse, cosa non andava, di essere felice e contenta e lei qesta cosa l'ha presa male infatti gli ha detto di lasciarla perdere.... poi il mio ragazzo ha degli atteggiamenti molto scherzosi sia coi miei xhe con mia sorella e mio fratello e a mia sore questo da fastidio. Insomma il mio amore e mia sorella sono arrivati a litigare qualche giorno fa e ora lei è incavolata con lui e viceversa: come devo fare?

Lui ora non vuole piu venire a casa mia, mia sorella lo odia e mio padre e mia madre sono arrabbiati per il suo comportamento perché dicono che lui non si sta comportando bene con loro: io non so che fare. Lo amo troppo e ho paura di perderlo; sono fra due fuochi: il mio amore e la mia famiglia. Ho paura e questa situazione mi distrugge....

Dom

10

Mag

2009

Non sono potuta uscire

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Sabato sera non sono potuta uscire: volete sapere perché? Perché non gli ho dato il bacio della buonanotte!

Cose fuori dal comune! Sono odiosi, eppure ho 16anni!

Non ci posso credere! Che vita! non hanno capito che siamo nel 2009!?

Lun

13

Ott

2008

che sfiga

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

sono incazzata nera, piena di rabbia che non riesco ad incanalare in qualcosa di positivo...mi sto rovinando la vita...la vita che amerei cosi tanto se non fosse stato per la mia famiglia! ho avuto una pessima famiglia, persone che non sapevano far altro che alzare le mani e umiliare verbalmente. Sono cresciuta piena di sensi di colpa e di rabbia, non socializzavo molto con gli altri bambini: mi sentivo diversa!

Non ho mai parlato con nessuno di quello che succedeva in casa perche mi vergognavo di avere una famiglia simile e ancora oggi mi da fastidio parlarne e sentire soprattutto i commenti delle persone che non sanno assolutamente nulla, che non si rendono conto!! e alcune dicono pure di volermi bene...ma come fanno poi a dire di volermi bene se non mi conoscono veramente, se non possono vedere il mostro che è dentro di me?

Vivo con un senso di colpa da anni per non aver fatto nulla, pietrificata dalla paura, quando avevo 10 anni per liberare mio fratello da quel bastardo di mio padre che lo stava massacrando! e poi mi si dice "è tuo padre non dire così! e io impazzisco!!! non lo perdonero mai!!! e odio tutti e tratto tutti di merda...tutte le persone che si avvicinano a me attirate dai miei occhioni blu e dalla mia simpatia (perchè so mascherare molto bene quello che ho dentro quando voglio o quando mi sento meglio) finiscono per essere l'oggetto della mia rabbia...

Sfogo su di loro quello che ho dentro...e vivo malissimo...sempre piu sola e triste....e con un orgoglio incredibile che non mi farà mai chiedere aiuto o ascoltare i consigli di nessuno, perchè nessuno potra mai ridarmi la mia infanzia, perchè nessuno potra mai darmi i genitori buoni e affettuosi che meritavo di avere e nessuno potra mai cancellare quello che mi logora dentro: penso che non ci sia via d'uscita per me...la mia vita sarà un continuo altalenarsi di alti e bassi senza la gioia di amare ed essere a mia volta amata!

Ven

10

Ott

2008

Orari assurdi: non vi sopporto

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Non vi sopporto più! Tu e i tuoi genitori!

Ti fanno tornare ad orari del cazzo e pretendi che io non esca da solo nel dopo serata? Cornuto e mazziato: mi sono rotto dei tuoi orari, delle fissazioni dei tuoi genitori, il bello è che a volte gli dai ragione, e se non lo fai in ogni caso mi dici che non si può fare nulla: ma ca**o ribellati, hai 24 anni!

Non ce la faccio pù.....

Ven

01

Ago

2008

Genitori odiosi

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Ho 2 genitori che ti rendono la vita di una tristezza!

Sono degli insoddisfatti, musoni, non li sopporto più! Io voglio viveree! Voglio andare via con il mio amore ma mancano ancora 3 anni: amore mio ti amo tanto! mi manchi da morire. Uffa

Tags: genitori, ira