Tag: ex

Lun

02

Gen

2017

Senza Titolo

Sfogo di Avatar di VecchiodentroVecchiodentro | Categoria: Altro

Mi hai detto che ci sarà il compleanno del tuo amico, e ti ho risposto che ci andrai da sola.Tu mi hai detto che io sono il tuo fidanzato e che dovrei venire, ma so già che ci sarà anche il tuo ex e che uscirà un bel casino.Diciamo ch anche dovesse avvicinarsi a te, potrei anche prenderlo a schiaffi, perché lui sa che non si deve avvicinare a te.Lo sa benissimo.Vedremo come si evolvono le cose, questa è una piccola provincia e tutti sanno tutto di tutti.Spero se ne stia al suo posto.

Tags: ex, compleanno

Gio

29

Dic

2016

Ho sognato...

Sfogo di Avatar di SparklePrincessSparklePrincess | Categoria: Altro

stanotte ti ho sognato. Indossavo quel vestito rosso che tu adoravi, e mi venivi a prendere con quello scassone della tua prima auto. Cantavamo canzoni che ora ho dimenticato e cenavamo nel nostro ristorante preferito. Parlavamo della mia maturità, del tuo primo lavoro, di un futuro insieme. Poi tornavamo a casa tua, da soli, tua madre faceva la notte è tuo padre boh chissà dov'era forse a vedere la partita con gli amici, insomma tutti tranquilli, e noi facevamo l'amore come due adolescenti.

mi sono svegliata dieci anni dopo con una sorta di angoscia dolce. Un sentimento di mancanza ma che non fa male, non so definirlo. Ho guardato l'uomo che mi dorme accanto, l'ho accarezzato senza svegliarlo, e mi sono alzata diretta in cucina per una tazza di tè, come ogni mattina. Mi sono seduta al tavolo, pensando al sogno, pensando che tutto ciò che mi circondava tu non l'avevi mai visto. Non sai dov'è la mia casa, non conosci la mia vita, nemmeno il taglio di capelli che porto da anni. Non so dove sei, che stai facendo, né con chi sei. Quell'abito rosso non mi sta più, quella vecchia macchina sarà una lavatrice probabilmente, il ristorante ora è una sala scommesse, la maturità l'ho presa da un pezzo e tu hai cambiato lavoro da un bel po'. Non vivi più li, tua madre è in pensione e tuo padre ha smesso di andare al circolo. Non siamo più adolescenti. Un futuro insieme non l'abbiamo avuto. E questo ha fatto male, molto male, per tanto tempo.

Eppure stamattina non fa male. Il ricordo del sogno è dolce e struggente, ma non urgenza. Sono felice di dove sto, non vorrei essere altrove. Va bene così, io sono serena. E mentre torno in camera da letto a svegliarlo, mentre una nuova giornata inizia, mentre passeranno altri dieci anni... Nel mentre ti mando un ciao che non ti dirò mai, una preghiera perché tu stia bene, e un sorriso sereno... E io vado a vivere il mio presente, libera...

Dom

11

Dic

2016

Ho rovinato tutto

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ho conquistato l'amore della mia vita..l'ho fatta innamorare..è stato fantastico lei era arte per me!  Ci divertivamo da morire e ci amavanmo molto. forse in maniera morbosa forse troppo...un sentimento del genere è molto difficile da gestire se non lo hai mai provato...lei gelosa io di piu...tante discussioni tante incomprensioni..Non è bellissima e fin dall'inizio pensavo non potesse durare a lungo...così non è stato! Mi ha fatto innamorare mi ha preso la mente e il cuore la trovavo bellissima. Nonostante questo la mia insicurezza rimaneva, cercavo di sapere se ero appetibile e se le ragazze erano interessate a me anche se non l'ho mai tradita l'ho fatta dubitare fortemente. Mi sono fatto odiare...adesso lei se n'è andata giustamente e io sono rotto e debole...come può l'essere umano essere così stupido...Mi colpevolizzo molto è forse faccio bene perche lei mi ha dato tutto...è un mese che cerco di farle capire che la amo e ho sbagliato profondamente a trattarla con sufficienza e non darle la sicurezza di cui aveva bisogno..immaturo immaturo immaturo...ieri sera sapevo dove andava appena mi ha visto è scappata..era con un altro..ho cercato di parlare con lei ma non usciva una parola guardavo lui guardavo lei e morivo...se in mese è gia riuscita a rimpiazzarmi evidentemente non era amore me lo ha anche detto...butto le mie giornate pensando a lei e pensando a cosa potrei fare...ormai è troppo tardi

Sab

03

Dic

2016

Sono stanca.

Sfogo di Avatar di ShanriseShanrise | Categoria: Ira

Quando tutto ma proprio tutto ti va una merda che fai? Che puoi fare? Sono stanca di essere me, di questa situazione perenne. Io e il mio ex abbiamo rotto un mese fa ormai, tu stronzo che mi amavi follemente poi all'improvviso boh, io non ho parole. Non ho manco voglia di scrivere seguendo un senso logico. Sono troppo incazzata per la mia vita, ho quasi 20 anni e non ho nulla, l'unica àncora era lui, non ho amici veri, l'università che ho appena iniziato mi fa cagare. Oggi ho fatto il mio primo preappello e OVVIAMENTE mi capita l'assistente stronza. Quanto mi ha dato? 24. Voi potreste dirmi "ma sei cretina? è il primo voto, non è poco e non è manco definitivo", e io risponderei che lo so, ma non mi sta bene! Ho studiato un sacco e vedo le altre persone che capitano a culo con quella brava che sgancia 30 a go go. Ma io manco la voglio fare questa vita qua, di ansie e paranoie. Io volevo solo essere creativa, amare l'arte e il mondo, fare del bene agli altri...io non volevo questo. Non ne uscirò mai, lo so, purtroppo sarà un susseguirsi di eventi inutili di cui mi accontenterò. Purtroppo non mi aspetta un ragazzo che mi ama sul serio, purtroppo non farò mai ciò che voglio. E voglio solo avere il diritto di incazzarmi per le ingiustizie, per la vita che a volte in certi periodi è davvero una stronza, per tutto quello che non ti va bene e per il non poterne parlare con nessuno.

Tags: rabbia, vita, ex, stanca

Mar

29

Nov

2016

Consiglio riguardo un ex

Sfogo di Avatar di Lolita94Lolita94 | Categoria: Altro

Meno di due mesi fa mi sono lasciata dopo due anni con il mio attuale ex ragazzo..all'inizio ci sentivamo tranquillamente comunque e mi aveva anche detto di essere ancora innamorato e che non fosse convinto che fosse finita ma che fosse convinto che non voleva riprovarci ora come ora..fatto sta che dopo vari messaggi (mi scriveva principalmente lui) gli ho detto che doveva imparare a sentire la mia mancanza e tutto e che era meglio non vederci e non sentirci per un po'..bhe sono 10 giorni che non ci sentiamo..Cosa devo fare?Premetto che ho visto dei mi piace ad una sua vecchia fiamma (che l'aveva trattato di merda e anche lui aveva detto che non ci sarebbe ricascato piu) che prima non c'erano..Cosa devo pensare?Se lui non mi ha più scritto non gli manco?Dovrei scrivergli oppure aspettare che sia lui?Grazie in anticipo non so proprio cosa fare..

Lun

28

Nov

2016

Non so se sto sbagliando, ho bisogno di parlarne.

Sfogo di Avatar di YesNoMaybeYesNoMaybe | Categoria: Gola

Sono stata fidanzata per quattro anni e mezzo con un ragazzo che amavo alla follia. Negli ultimi due anni lui mi trattava da robot, mentre io continuavo ad amarlo.. Mi sono pure ammalata, ho cominciato anche ad avere problemi con me stessa perché pensavo che il mio corpo non gli piacesse più. Un giorno, a lavoro, un mio collega mi è apparso diverso, più bello, più sensuale. I suoi complimenti mi facevano sentire donna e le sue avance desiderata, così ho capito che non andava più bene col mio ragazzo e gli ho detto ciò che provavo in tutta sincerità e che anche un estraneo era capace di farmi sentire donna, cosa che lui non faceva più. Alla fine ci siamo lasciati perché nonostante questo non è cambiato e, anzi, aveva cominciato a farmi soffrire ancora peggio. Col collega, comunque, non c'è mai stato niente, solo complimenti da parte sua.

Sono single da ormai sei mesi, nonostante tanti ragazzi ci hanno provato, io sono sempre rimasta al mio posto ed in questi sei mesi me la sono cavata da sola, approfittandone per cominciare ad amarmi. 

Adesso il mio ex è tornato,ci siamo visti quattro volte ed è successo che due volte siamo finiti a letto. Non so cosa provo per lui, credetemi, lui è innamorato di me, dice, ma io non sono pronta a ricominciare una relazione con lui.. Al ché lui mi ha proposto di diventare "scopamici" ed io ho accettato, del resto per quattro anni ho fatto l'amore solo con lui ed è a lui che mi sono concessa la prima volta, contando che ci siamo messi insieme quando entrambi avevamo diciassette anni. 

Ora, non so se sto sbagliando a fare una cosa del genere.. Però non mi sento in colpa di nulla..  

Sab

19

Nov

2016

Vuole tornare insieme a me, dicendo che è cambiato, ma a me non sembra sia cambiata nemmeno una virgola.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Tre mesi fa ci siamo lasciati, io ero stanca di essere trattata come un robot, usata per sfogare i suoi bisogni fisici e posata poi in quel solito angolino buio. Mi aveva stufato il fatto che lui contasse sul mio "stipendio" per una convivenza perché a casa sua non ce la faceva più. Il mio stipendio era di appena €500 al mese, chiariamo. Non ha mai amato i lavoretti umili, non ha colto le opportunità di andare all'estero per lavoro, mentre io mi sbattevo a destra e sinistra in un locale come cameriera, sfruttata. A casa tornavo stanca morta e quando, gentilmente alle 2:00 di notte gli chiedevo di andare via perché l'indomani mi sarei dovuta alzare alle 5:00, lui si incazzava dicendo che ero diventata una vecchia. Le sue giornate si svolgevano così: si svegliava alle 12:00pm, si riempiva la pancia di porcherie, si buttava nel divano a giocare a quella cazzo di PlayStation. €400 e passa spesi per una console, cosa che non ho accettato mai. Alle 2:00pm sua madre chiamava la famiglia a tavola e dopo essersi ingozzato di frittura, primo, secondo, frutta e dolce tornava sul divano, a giocare. Oppure variava: andava al computer a giocare. Ed io a spaccarmi la schiena. Qualche volta andava in palestra alle 6:00pm, oppure passava tutto il pomeriggio a giocare come uno stupido, per poi cenare alle 9:30pm ed uscire la sera con gli amici. Vizi campati dal papà, ovviamente. A 22 anni mi sembra una cosa inammissibile. Io a soli 19 anni avrei dovuto mantenere lui, le sigarette mie e sue, le sue uscite ed una casa? Con €500 al mese? Tante volte gli ho chiesto di cercarsi un lavoretto onesto, come avevo fatto io, perché 500+500 fanno 1000 e qualcosina si sarebbe potuta fare. Ma niente, la solita scusa che lavoro non se ne trova, che LUI non trova niente e bla bla bla. Mi ha rotto i coglioni tutta la sua situazione. Per di più mentre che ero a lavoro a farmelo tanto, lui pretendeva che io gli rispondessi al cellulare perché dubitava di me e di un collega. Cristo. Niente, ci siamo lasciati e lui è impazzito. Minacce, stalking e persecuzioni anche telefoniche, parole pesanti ed accuse dell'altro mondo.

Adesso vorrebbe tornare insieme a me, dicendo di essere cambiato. Ma è ancora un disoccupato, si fa mantenere dal papi per qualsiasi cosa, gioca ancora e non solo, adesso si droga e si ubriaca. Io sto continuando a lavorare come la matta, ho perso due lavori ed il massimo dei giorni in cui sono rimasta a casa è stato 3-4, perché sin da subito mi sono messa a cercare e casualmente ho sempre trovato qualcosa. Come mai lui no? Ah, perché a lui non piacciono i lavori umili. 

Ora, siamo tornati a frequentarci ma io vorrei mettere in chiaro che mi da fastidio il fatto che lui se la spassa ed io lavoro per otto-dodici ore al giorno, che mi farebbe piacere se crescesse anziché stare sotto le cosce della mamma e del papi, che oltretutto tratta come stracci.

Ven

18

Nov

2016

Separato eppure più incazzato con la ex di quando ero sposato

Sfogo di Avatar di piklekpiklek | Categoria: Ira

Sono separato da 11 anni ed ho 2 splendidi figli di 11 e 10 anni.

Fortunatamente li vedo e li seeguo quotidianamente senza limiti o barriere,

E' l' accordo positivo preso con la madre per il miglior benessere dei nostri figli, che quindi non hanno subito alcun trauma e vivono serenamente avendo come punto di riferimento e di sicurezza ancche la mia figura di padre che ovviamente è importante e indispensabile come quella della madre.

Fine delle note positve.

C' è da dire che il rapporto con la ex è di sicuro anomalo visto che non si ferma alla semplice frequentazione di casa sua per stare coi bimbi.

Siamo rimasti comunque legati sotto ogni aspetto , anche l' intenzione di farlo è reciproca.

Il problema è che questo legame comporta un forte investimento, ma quasi sempre io ne esco negativamente,visto che ciò che porto a casa sono sempre e solo incazzature e delusioni,cosa che addirittura non succedeeva nemmeno quando eravamo sposati.

Mi rendo conto che quasi sempre vengo usato perchè le servo ,partendo dai bisogni pratici fino al supporto morale o allo spalleggiamento per aiutarla a raggiungere i suoi obiettivi, e quando non ha bisogno sono puntualmente snobbato , anche perchè erroneamente non mi considera e non mi coinvolge quando si tratta della vita dei figli.

Purtroppo non sono capace di limitare la mia presenza solo a favore dei bambini , ma mi faccio carico anche di lei .

Di fatto sto peggio ora che sono separato e solo io sò quante incazzature mi porto a casa; investo tempo ed energie per lei come non mai e di ritorno ricevo puntualmente facciate.

Continuo a ripetermi chi me lo fa fare ma il giiorno dopo sono ancora li a crcare di aiutarla come posso e non dico maai di no pur saapendo disbagliare nuovamente.Sono scemo ? non credo . Troppo buono ? forse si.

Sta di fatto che non mi piace questa situazione maormai è diventata quasi normalità. Sono incazzato. 

 

Tags: ex, ira, la, con

Mar

15

Nov

2016

Mi sono vendicata

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Mi sono vendicata del mio ex perché dopo esserci lasciati ha cominciato a frequentare una mia amica molto stretta, che mi ha oltretutto insultata e minacciata quando io ho gentilmente chiesto spiegazioni.
Ho venduto una cosa per lui importante che mi aveva regalato e ho bruciato ogni ricordo che avevo di lui ma la verità è che non mi sento meglio. 

Tags: ex, vendetta

Mar

18

Ott

2016

avro' fatto la cosa giusta a lasciare il mio ragazzo?

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ciao a tutti. Sono una ragazza di 28 anni in piena crisi.

Sono sempre stata una persona attiva, un pò folle, sempre a ridere e  scherzare, con tante passioni, il canto, la musica, il ballo, l'animazione, il divertimento. Sempre avuto molti amici, che consideravo la mia famiglia, avendo una situazione un pò difficile a casa. In pratica conosco lui 4 anni fa, in un pub, dove lavoravo come postina alla messaggeria, più piccolo di me di 4 anni, bello come il sole, ec ecc...  Succede che cominciamo a uscire, a frequentarci, ad andare a letto, e mi innamoro di lui. Viene a vivere a casa mia, che io avevo in affitto da sola. All'inizio era tutto molto bello, poi esce fuori quello che lui è realmente, un pazzo geloso possessivo sociopatico. Piano piano, in maniera subdola, comincia ad allontanarmi da tutto e tutti, mi fa sentire in colpa per tutta la mia vita passata, mi fa sentire sbagliata in tutto quello che ho sempre fatto e creduto. Mi fa credere di essere lui l'unico a volermi vedere dentro, per quella che sono realmente, io ci casco, mi giustifico, gli chiedo perdono (per cosa.. boh), mi autocastigo. Voglio dimostrargli che non sono solo una frivola e facile, voglio farmi accettare da lui, che a questo punto si proclama Messia e vuole portarmi a una vita "decente". Ovviamente enfatizzo la storia per potervela scrivere in breve.

Per un periodo, causa problemi economici, andiamo a vivere a casa della madre, noi due, lei, e il fratello gemello di lui. Questo periodo è durato quasi due anni e mi ha completamente distrutto. I primi mesi non ho lavorato ed ero in pratica la Cenerentola di casa. Tutti pensavano, ovviamente, che essendo l'ospite, in qualche modo dovevo sdebitarmi. Pulivo, cucinavo, stiravo e facevo qualsiasi cosa per queste tre persone che, quando ho cominciato poi a lavorare (12 ore al giorno, tutti i giorni!!) non si degnavano nemmeno di togliere gli avanzi della loro cena dal tavolo e mettere su un pò' d'acqua per la pasta per me. 

Passati questi due anni, quindi, riusciamo ad avere qualche soldino per prenderci una casa in affitto tutta nostra (volevamo comprarcela ma non siamo riusciti a prendere mutuo), compriamo  mobili, ci prendiamo dei cani, anche lui comincia a lavorare fisso, arriviamo a prendere due stipendi diciamo buoni, e non dobbiamo più chiedere soldi in prestito a nessuno. 

Sembra che la storia sia a lieto fine ma.. ma, no. No perchè io ho cominciato a risentire molto del fatto di non avere più amici, di esere sempre rinchiusa dentro casa manco fossi una ultraquarantenne con figli a carico. No perchè mi ha cominciato a pesare il fatto di fare sempre e solo tutto io, spesa, piatti, lavatrice, stiro, aspirapolvere, tutto, mentre lui magari giocava ai videogiochi sul divano. Raccogliere i suoi calzini sparsi per terra, mi sembrava dovesse finire una volta usciti da casa della madre. Speravo sinceramente che cambiasse perchè ero convinta che molto dipendesse dal fatto di essere molto viziato dalla madre. Non è stato così.. e poi una noia. Sempre sul divano, l'attività più divertente era cercare una nuova serie tv.

Per molto di questo tempo, stando con lui, ho pensato di tradirlo. La verità? non ne ho avuta l'opportunità. Mi controllava il telefono, mail, tutto. Però, dal mio posto di lavoro, ho creato un profilo Facebook falso. Era solo così, per fargli il dispetto diciamo, non l'ho mai usato per scopi strani, era quasi solo per poter dire "vedi? mi hai fatto cancellare, ma non è così difficile nasconderti qualcosa, non lo saprai mai". Ho ritrovato solamente poche persone che hanno capito chi fossi e con cui ho parlato, e che hanno capito la situazione, volendomi anche aiutare ma lasciandomi libera di decidere. Ho fatto solo una richiesta molto particolare, a cui tenevo moltissimo, a questo ragazzo nato a Londra da madre italiana, cugino della mia migliore amica delle superiori, che non vedo da forse 8 anni e con cui ho avuto dei rapporti molto intimi ogni volta che lui è venuto in Italia o io in UK. Ci siamo sempre piaciuti, e desiderati, e sempre stati bene quando siamo stati fisicamente insieme, ma poi eravamo troppo lontani, molto giovani, e sempre con rammarico ogni volta bisognava lasciar stare. Lui però non aveva accettato la mia richiesta d'amicizia nè risposto ai miei messaggi.

Poi è successo tutto molto velocemente. Un sabato, io e il mio ragazzo litighiamo piuttosto violentemente. Quello stesso giorno il ragazzo di londra mi accetta la richiesta e risponde al messaggio, mi chiede whatsapp, cominciamo a messaggiare. Io litigo, litigo, scappo di casa. Torno da mia madre, senza neanche un cambio. Il mio ragazzo mi cerca, si dispera, io ci vado a parlare. Gli dico che non voglio più accettare questa vita cosi, che voglio avere degli amici, voglio tornare a fare quello che mi piace, voglio avere un rapporto di coppia sano e normale. Litighiamo per giorni, lui mi comincia a fare tante promesse, mi dice che cambierà, che mi farà avere tutto quello che voglio, mi compra rose, mi prepara la cena, mi chiede di uscire. Accetta che io dormo da mia madre, ma viene a prendermi a lavoro, mi chiede un'altra possibilità. Io non gli credo. Nel frattempo, l'"altro", mi messaggia in continuazione, mi chiede di andare a vivere a Londra, in modo che possiamo finalmente viverci la nostra storia, quella che abbiamo sempre voluto. Mi sta vicino, io gli spiego di tutta la situazione, mi dice che scenderebbe a salvarmi e mi porterebbe su con lui. Ovviamente questo mi distrae, e non do peso al mio ragazzo, che è veramente distrutto. O meglio. Gli do peso, ma ormai la mia decisione l'ho presa, e questa "distrazione" mi aiuta non poco.

Sono passate tre settimane e l'ormai mio ex mi ha detto che si è stancato di aspettarmi e combattere da solo.  L'ho perso definitivamente e ora che è davvero così, non so proprio se era quello che volevo. Sto uscendo, vado a cantare, a ballare, ma quando torno a casa so che non c'è nessuno a parte il lettino della mia ex cameretta e mi sento molto sola. E' normale che abbiamo passato anche tanti momenti belli. Mi manca e non so se è per abitudine o perchè lo amo ancora e ho voluto fare tutto questo solo perchè volevo ricominciare a uscire e farmi qualche serata. Ma poi cosa mi rimane? 

D'altra parte, sono ossessionata da quest'altro, ci penso in continuazione, sono euforica e non vedo l'ora che mi scriva. Ci stiamo organizzando per vederci il mese prossimo e già ho chiesto dei giorni di ferie per andare a trovarlo a Londra. Solo che poi penso: ma, a parte un week end o una settimana o quello che sia, poi io avrò le palle per spostarmi per davvero? E andare davvero a vivere lì? Questa cosa che stiamo facendo porterà davvero da qualche parte? Vado per i trenta e già questi messaggini non mi bastano più. Voglio viverla questa persona. E se poi nella realtà delle cose non va?

Avrò fatto bene a fare quello che ho fatto? E come sarà la mia vita adesso? Lui ha annullato tutta me stessa, talmente tanto che non so più chi sono. E come si fa a ricominciare? E, a questo punto, esattamente DOVE?

Quale sarà la mia strada?