Tag: disoccupazione

Dom

01

Gen

2017

Che schifo di paese

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Scrivo qui perché al momento non ho nessuno con cui parlare, ho trovato questo sito e provo a sfogarmi appunto. Partiamo dall'inizio, non ho nessuno perché al momento sono all'università, anche durante le feste, devo studiare, parlare con i professori, che stravedono per me, futuro e altre balle del genere. Studio economia. Mi servono soldi al momento per pagare affitto, bollette,mangiare e altre cose normali per uno studente fuori sede. Di solito pagano i miei, ma un mese fa ho perso mio nonno, che viveva con noi, e il funerale è costato un botto, un funerale normalissimo oltretutto. Ho anche un fratello che quest'anno dovrebbe laurearsi, anche lui a spese dei miei, soldi che se ne vanno. Vorrei provare a lavorare, fare qualcosa, studiare e basta mi uccide, ho 21 anni, quasi 22, vorrei darmi un pò da fare ma niente! Non c'è niente. Invio CV, annunci, colloqui del cazzo all'infinito, per cose che sono solo call center o al massimo delle truffe! Non c'è niente, non ti chiama nessuno, neanche a fare il cameriere, tirocini o anche solo dare una mano in qualche ufficio o studio non esiste proprio, negozi zero, solo call center che ti pagano 200 euro al meseper otto ore al giorno, sei giorni alla settimana per due mesi, abbastanza per togliermi un bel pò di tempo per lo studio e non potermi pagare nemmeno la camera dove vivo. Ma che è, che cazzo è sto paese di merda? Non trovi niente se vuoi lavorare onestamente, potrei mettermi a fare cose strane ma sono troppo scemo per farlo, e allora devo vivere a spese dei miei che fanno infiniti sacrifici per me, mio fratello, e l'altro mio fratello, un anno meno di me che non fa un cazzo anche lui perché che cazzo deve fare? Mi sono dimenticato di dire che sono calabrese, abituato all'idea di dover emigrare via dalla mia terra, ma in maniera così disperata no cazzo, per colpa di banchieri che hanno fatto quello che vogliono da due secoli a questa parte, per ingrassarsi a spese dei popoli, se penso che qualche anno fa alcuni miei conterranei più giovani che erano andati via erano anche tornati, che si stava muovendo qualcosa poi crisi e boom! tutti indietro di nuovo e si sono portati anche cugini e fratelli, non c'è rimasto più nessuno, mi basta uscire per vedere solo case vuote. Dei miei ex compagni di classe non lavora nessuno, mi viene di voglia di spaccare tutto. Grazie a chi mi ha letto e sopportato

Ven

29

Lug

2016

Lavoro

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Io mi sono rotto il cazzo di inviare CV a vuoto, senza manco ottenere una cazzo di risposta per sentirsi dire MI SPIACE, NON CI INTERESSI!. Questa qua è educazione, è vivere civile,ma vaffanculo speriamo che peste vi colga.

"Eh ma se ricevono migliaia di cv al giorno come fanno a rispondere a tutti"

 PUTTANATE!

Pure se mandi il cv a una società misconosciuta che se la cagano in 3 non ottieni una stracazzo di risposta.

 Io quando lavoravo rispondevo a tutte le mail, perché è educazione! L'indifferenza è il male peggiore da fare alla gente. Ma vaffanculo!

 E mi sono rotto il cazzo di sentire quelli che "un conoscente, un amico, lo zio" gli procura il posto, chi non c'ha santi in paradiso lo piglia nel culo? La peste, il male vi deve cogliere.  

Gio

16

Giu

2016

Ho ragione a provare invidia??

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Mi sono laureata 14 anni fa nei tempi giusti ,poi ho fatto master, abilitazione, esperienze di lavoro di 5 anni GRATIS, per avere il punteggio solamente e Non ho ancora trovato lavoro, dopo continue ricerche.. Anzi.. Porte chiuse in faccia ogni volta che ho provato ,eppure non penso di essere una stupida.. Solo perché non ho raccomandazioni e conoscenze..Per contro ,un tizio ,con i soldi e fortissime raccomandazioni.. Svolge 5 lavori!! Di cui uno é STATALE!! E tanto " intelligente " é che ha conseguito a 50 anni una laurea triennale comprandosela pure!! Questa é l'Italia.. Ed io che ho conseguito tutto con le mie sole forze e capacità.. E senza soldi... Sono " precaria"...da una vita a spasso...

Lun

14

Mar

2016

PENTITO di aver creduto a quello che mi diceva la maestra

Sfogo di Avatar di OldJoeOldJoe | Categoria: Altro

da bambino credevo a quello che mi dicevano gli adulti. credevo nella democrazia, i diritti, sta roba qua.

onora padre e madre ecc

poi mi sono accorto che non era vero nulla.

sarà banale come sfogo ma eccomi qua.

i miei genitori erano 2 matti maneschi.

ho dovuto imparare tutto da solo.

pago le tasse.

ma quello che conta è la salute potreste dire

e non ho nemmeno quella.

curarsi costa.

c'è la crisi.

chissà come sono sempre vivo.

qualità della vita molto bassa.

gioventù se n'è andata da tempo.

e resto nei limiti, certe cose non le scrivo sennò mi carcerano

tipo quello che penso della politica e tante altre cosette.

stamani devo andare in 2 uffici.

aperti solo la mattina a fare la fila.

soffro di allergia al secolo 21.

è tutto peggiorato. la gente muore di fame. ricordo i bei tempi quando c'era la lira. lavoro non lo cerco più.

potrei continuare così.

ma è solo il post di benvenuto. non ho altro di cui pentirmi. solo da lamentarmi.

auguri a voi, spero vi vada meglio che a me.

agli uomini consiglio di non sposarsi mai.

ciao.

Mar

09

Feb

2016

Troppo selettiva

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Ammetto di essere diventata troppo selettiva nella ricerca di un partner dopo l'ultima storia (terribile). E ci può anche stare, penso, il mio futuro partner deve avere determinate qualità altrimenti non ha senso impegnarsi un'altra relazione e dare di nuovo tutta me stessa per poi ricevere nulla. Posso anche passare oltre a certe cose fisiche o caratteriali ma mi sono resa conto che una cosa mi farebbe perdere interesse, anche se si trattasse del sosia di Brad Pitt: la mancanza di lavoro. Quando mi dicono a 29-30 anni che non hanno un lavoro, é finita ancora prima di cominciare. E non perché voglio essere mantenuta, nella mia ultima storia nonostante lui lavorasse nello stato e io fossi una che mi arrangio lavorando a ore come babysitter o pulizie (quindi so il peso dei soldi!), lui mi scroccava pure l'anima, e mai contribuire a pagare una cena e molto di rado un drink offerto da parte sua. Non voglio nulla, ma vorrei che il mio uomo fosse indipendente, che non fosse un problema prendere la macchina o anche semplicemente uscire. Basta ipocrisia...siamo in un periodo di merda per l'Italia lo abbiamo capito. Ma capite anche che senza un euro non si può nemmeno pensare di costruire una famiglia, un futuro o semplicemente un rapporto. D'amore non si vive purtroppo...

Mar

17

Nov

2015

paesotto

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Odio il paese dove vivo. Sono cresciuta con l'idea di andarmene, trasferirmi all'estero, ma alla fine non l'ho fatto. Ho comosciuto mio marito con il quale da subito è nato un rapporto splendido, allora decisi di rimanere, per amore. A distanza di quanlche anno, nonostante l'amore sia forte ed il nostro rapporto buono, io mi sento scoppiare qua. Mi sto spegnendo e riempendo di rabbia ogni giorno di più. Vivo in un piccolo paese del sud dove noostante laurea con lode, master, specializzazioni etc.. è impossibile trovare lavoro. Ogni giorno devo sorbirmi menate medioevali su tutto. Critiche ignoranti e discorsi su luoghi comuni da lasciar crollare le braccia anche ad Ercole... E' un continuo, ed io non riesco a legare con nessuno, vivo di relazioni formali, con tante persone ho chiuso i rapporti per tante cattiverie subite. Mi sento i trappola, non riesco a reagire, continuo a subire, sembro una scema e non ho il coraggio di mollare tutto ed andarmene. Mio marito non vuole trasferirsi, lui lavora qua e sta bene. Io no. Mi immagino che non appena nella vita riuscirò a realizzarmi lavorativamente lascio tutto e me ne vado. 

Gio

02

Lug

2015

Non mi basta più!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Non si può vivere in funzione di un'altra persona, anche se si tratta della persona che amiamo. Non posso vivere la vita di un altro solo perché non sono riuscita a fare nulla per me stessa ( non ho trovato lavoro e mi sono dovuta trasferire da lui in una città diversa che non mi piace e nella quale non riesco ad integrarmi). Mi sento fallita e frustrata, ho perso di mira tutti i miei obiettivi e i miei sogni, non so più chi sono e cosa voglio. Passo le giornate al PC, da sola, mentre lui è al lavoro o alle prese con i suoi 1000 interessi, a spulciare annunci oppure a cucinare, pulire e fare il bucato. Qui, catapultata in una realtà che non mi appartiene con i miei affetti lontani. Ma cosa sto facendo??? Cosa ci faccio qui? Il mio scopo dopo anni do studio e sacrifici è ripiegargli le mutande??? Scusate, è solo qui che posso dire questo, nella realtà non potrei mai farlo, rischierei di apparire ingrata e di perderlo, è solo che mi aspettavo qualcosa di più dalla vita.

Lun

13

Apr

2015

Depressione farmacologica, disoccupazione, sfratto, isolamento

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Accidia

Non ho un attimo di tregua.

Di giorno devo affrontare i miei problemi. Cerco di affrontarli in silenzio, senza farlo pesare a nessuno, ma proprio per questo sembra che io non li affronti "con la dovuta serietà" e mi vengono ricordati di continuo... ma di continuo... di continuo... è l'unico argomento che ho con i miei familiari oramai.

La notte sono tormentato da incubi che riguardano i miei problemi di giorno. 

Ogni giorno sono sempre più stanco, non mi riposo la notte, non ho tregua da sveglio, non so cosa darei per poter godere di una semplice tranquillità, un sonno senza sogni o l'assenza delle emozioni. E i miei problemi non posso risolverli da solo, me ne sono reso conto dopo due anni di lotte e tentativi tenaci, vorrei che qualcuno mi tirasse fuori così che io possa ricominciare e gestirli per bene... ma non posso chiedere a nessuno. Nessuno mi può aiutare, nessuno è in grado di farlo... e nessuno mi capisce.

Mi dicono che io non li voglio affrontare i problemi, dovrebbero capire che a volte "tirare fuori le palle" non basta a risolvere tutti i problemi della vita, ma che esistono situazioni belle complicate.

E non so cosa darei per poter dormire sonni tranquilli. 

 

Gio

19

Mar

2015

Quelli che ti fanno vergognare di essere disoccupata...ma 'nnate a fan...o!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Come se a me piacesse stare a casa! Che ci posso fare se nonostante la valanga di cv che invio quotidianamente riesco a trovare solo lavoretti precari ( tipo cameriera a chiamata) o stage ( di cui ne ho già 4 sul cv)??? L'ultimo stage, post-laurea, è finito 1 mese fa e ora sono di nuovo alla ricerca. Continuo comunque a studiare per conto mio, per imparare cose nuove e farmi trovare più preparata ai colloqui, in più sto studiando per un concorso. Cosa dovrei fare di più??? Perché se esco di casa in orario di ufficio devo giustificare continuamente con conoscenti e non la mia situazione ed inoltre sentirmi addosso sguardi di compassione se non di vero e proprio biasimo??? Sono uscita a fare jogging ed ecco che incrocio un parente che mi chiede cosa stessi facendo a quell'ora e se ne esce con una di quelle facce alla Barbara D'Urso non appena gli dico di aver concluso lo stage. Per non parlare di certi miei coetanei che, vuoi perché il paparino gli ha riservato un posto in azienda, vuoi perché hanno avuto qualche calcio in c..o, ti guardano come un'appestata se non hai avuto la loro stessa fortuna. Mia madre poi è la prima a dire in giro che sto lavorando, perché si vergogna della verità. Sono stufa!!!!

Ven

30

Gen

2015

ma in realtà...

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

ma in realtà lo scopo della vita qual è? 

corriamo, sudiamo, cerchiamo un lavoro, cerchiamo un matrimonio, cerchiamo dei figli, cerchiamo un mutuo... ogni volta che ci manca qualcosa pensiamo che quando la troveremo saremo felici. per esempio: hai la fidanzata ma non il lavoro? con il lavoro saresti felice! lavori ma non hai la ragazza? ti senti solo. e se poi abbiamo entrambi, ci sarà sicuramente qualcos'altro che non va, che sia la routine con lei, o il capo molesto...

a volte ho la sensazione che ci diamo degli obiettivi da perseguire per dare un significato alla nostra esistenza, nasciamo, cresciamo e finiamo di vivere inseguendo una stabilità, un'identità... ma niente di quello che accumuleremo ce lo porteremo nella tomba.