Tag: asociale

Mar

05

Gen

2016

Ragazza problematica...help!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Mesi fa, presa da un improvviso slancio di generosità, decisi di ricontattare una vecchia conoscente con dei seri problemi a livello sociale, una che non esce mai di casa, che non ha mai avuto ragazzi né amicizie. Vi chiederete chi me l'ha fatto fare, e nemmeno io saprei darvi una risposta convincente...credo sia stato un po' per spirito da crocerossina, un po' per sfida, per vedere, insomma, se riuscivo a svegliarla e a "riabilitarla". Siamo uscite insieme con qualche altra mia amica per decina di volte e la scena era sempre la stessa: lei che ci seguiva muta come un cagnolino, tirando fuori qualche monosillabo ogni tanto e frasi non più lunghe di 10 parole. Faccio di tutto per coinvolgerla nei discorsi, ma è più chiusa di un riccio. Non parla mai di sé, e le dà anche fastidio se le si rivolge qualche domanda più personale. Pare non si possa andare oltre alla recensione di qualche libro o film. Vabe' che non sono un'intellettuale, ma nemmeno un'oca che parla solo di uomini, borse e scarpe! Sono una ragazza normale a cui piace parlare di un po' di tutto e così le persone che di solito frequento. Con lei ci sono silenzi che durano anche diversi minuti, dopo che io ho finito gli argomenti. Premetto ché non è affatto stupida, ma si vede che non sa stare tra la gente. Il problema è che ora mi pesa un po' stare insieme a lei, mi sento a disagio e allo stesso tempo in colpa se decidessi di punto in bianco di non chiamarla più, dato che sono la sola con la quale sia mai uscita. Come mi comporto? È possibile che una persona del genere cambi prima o poi?

Tags: asociale

Sab

11

Apr

2015

Situazione (ormai) al limite.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Sono ormai due anni che , tra alti e bassi , sto col mio ragazzo.

Sono stati due anni fantastici, pieni d'emozione e mai noiosi.. ma ciò che più mi pesa,ciò che mi ha portata a sfogarmi , è il carattere del mio ragazzo, o meglio un aspetto del suo carattere.
Il mio ragazzo è , infatti, totalmente asociale se non per qualche contatto con qualcuno dei miei amici più stretti.
Non so per quale motivo si è allontanato dai suoi più stretti amici di università .. da ciò che ho potuto capire ha perso anche i vecchi amici del liceo e le "amicizie " che aveva nel paese dove vive poco dopo aver chiuso con la sua ex. poi si è rifatto delle amicizie all'università..ma appena sono arrivata io , ha allentato i rapporti con loro , giustificando che comunque per uscire con loro ci volevano parecchi soldi (andavano sempre in disco) e non sarebbe potuto uscire poi con me.

Perchè mi pesa tutto ciò?
Non lo so.
Io ho una grande considerazione dell'amicizia come sentimento. Ho un discreto numero di amici e mi piace conoscere gente nuova . Lui dice che non ci crede più nell'amicizia. Ma ,boh , io non credo sia felice così , solo come un cane.
Per non parlare del fatto che io sento come un "peso" ..nel senso che comunque lui ora esce solo ed esclusivamente quando esco io..quiindi insomma quando io esco per fatti miei , con amiche mie , un po' mi sento male perchè lui intanto resta a casa.

E credo che tutta questa situazione abbia anche un po'rovinato il nostro bellissimo rapporto.

E...in conclusione , la cosa pià atroce , io ho vergogna di far sapere ai miei amici che il mio ragazzo non ha amici.
Anche se ormai credo si sia capito dato che tutte le "grandi occasioni" (pasquetta, compleanno , natale) le passiamo tutti assieme.
Boh , mi sento una brutta persona. 

Sab

07

Giu

2014

Quando vorresti bruciare i tuoi amici

Sfogo di Avatar di Antonia StarkAntonia Stark | Categoria: Ira

La cosa che più mi infastidisce è quando un mio familiare mi dà dell'asociale solo perché non esco mai.

Non è che non esco mai, sono i miei amici che sanno contattarmi solo per fatti loro.

Secondo voi io 15 anni non voglio uscire? Specialmente adesso che è estate? Che posso farci se le mie amiche mi contattano solo quando devono uscire con tipi conosciuti su Facebook e vogliono anche me solo per non rimanere sole? Oppure quando vogliono usare la mia chitarra? Che ci posso fare?

La cosa triste è che poi se taglio i ponti con loro, sono definitivamente asociale.

E ci si mettono anche i miei che mi prendono per apatica.

Non so più cosa devo fare, in questo momento vorrei bussare alle porte delle mie compagne e bruciarle. Solo questo. Anche io vorrei uscire e divertirmi, andando in discoteca, andando nei pub..e invece niente, da sola in casa davanti al pc, che ormai è diventato il mio migliore amico.

Purtroppo veri amici li ho solo su Facebook. Peccato che sono tutti lontani! Mi sentirei meno sola!

Io già sono triste di mio che mi perderò il concerto più bello dell'anno a causa dei miei (a dire la verità per quell'infame di mio padre) , poi ci si mettono anche loro. Vi giuro non scherzo. Piango come un'idiota. Non so più cosa fare.

 Scusatemi. 

Mar

19

Feb

2013

Paura

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Salve a tutti, sono un ragazzo di ventun anni con tutta la vita davanti e senza alcun problema al mondo... CERTO, COME NO! E' vera solo la cifra dei miei anni, ma mi sento una merda anche così'.

 Sono in sovrappeso. Non tantissimo, ma ho quella pancia schifosa caratteristica dell'epoca moderna, la odio con tutto il cuore, vorrei tagliarla con un coltello se potessi. Vorrei vomitare tutto il grasso che ho addosso.

 

Sto all'Università. Medicina. Tutti a dire che sono intelligente, ma io la conosco la verità! Sto da due anni fermo con gli esami e sto solo al primo anno! Però è la mia passione, ma non riesco a farla! Ma quanto faccio schifo?

 

In amore è una ragazza stronza che predilige il pc a me.

 

Riguardo al pc, sono un dipendente dai videogiochi. Lo dico senza vergogna in anonimato, ma faccio il possibile per nasconderlo agli altri nella vita vera. Vorrei morire e bruciare vivo per questa cosa, ma ho ricevuto un' educazione cattolica e il suicidio è fuori questione.

 

Infine, sono immaturo, un bimbo di merda che si incazza per tutto. Non  sono brutto, sono alto biondo e occhi azzurri (e pancia di merda...) però sto sempre con la paura di parlare con gli altri. Sono un asociale di merda.

 

Tuttavia non sono depresso. Sono solo stufo di NON RIUSCIRE A CAMBIARE, INDIPENDENTEMENTE DA QUANTO CI PROVI DAVVERO e sento di avere il tempo contato anche con gli studi.

 

Che schifo. 

 

Con affetto malriposto verso se stesso, Emi 

« Prec 1 2