Tag: città

Mar

09

Apr

2019

Non viaggiate all'estero se...

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Allora se siete provincialotti, se viaggiate solo per sparlare delgli altri popoli, se l'unica cosa che sapete osservare è se si cucina la pasta in non so quale modo, se trovate ridicolo non mangiare la pasta, se il caffè non è come quello della mamma, se non c'è la vostra mamma, se non riuscite a capire che popoli diversi vivono in modo diverso, se vedete solo il negativo, se volete incontrare l'Italia all'estero, se siete adetti di un nazionalismo becero del tipo "siamo meglio noi", insomma se per voi l'Italia non ha diffetti e fuori dall'Italia è tutto m**da, allora vi consiglio di non uscire dal vostro paese, e in casi estremi dalla vosytra regione, città, borgo ecc.

 I viaggi sono pensati per persone con una mentalità internazionale e aperta, non siamo costretti ad andare all'estero, scocciate solo i popoli che vi ricevono. Se penso a tutti i popoli che incontro in giro nei viaggio solo e ribadisco solo gli italiani hanno la mania di lamentarsi, sparlare e fare domande ridicole come (c'è la barilla?). 

 Insomma restate nella vostra provincia e fatte un favore al mondo, anche perché l'Italia è piena di problemi, povertà, disoccupazione e burocrazia esiste anche qui, per non parlare di certe città sporchissime dove la spazzatura è lasciata per strada, la violenza c'è e ristoranti che servono dei pasti vomitevoli non mancano e non tutti sono dei Giorgi Armani e ci sono tanti esempi di abbigliamento di scarsissima qualità e anche abbinati male. 

 La mentalità provincialotta va lasciata in provincia! 

  

Ven

01

Mar

2019

Accettare o no un lavoro?

Sfogo di Avatar di LottascudoLottascudo | Categoria: Altro

Voglio essere sintetico.

Sono stato chiamato, sondato e selezionato per un lavoro in uno degli ambiti per cui sto finendo di studiare, sebbene non la mia preferenza prima, ma comunque interessante. Chiamato da una grossa azienda milanese, bella e grossa, facente parte di un grosso gruppo internazionale, che non fallirebbe mai nemmeno se volesse.

Classiche 8 ore per 5 giorni, possibilità di continuare il lavoro da casa qualora si debba uscire prima, non arrivare per forza  alle 8 o alle 9, e non uscire per forza alle 17 o 18, l’importante è che tu faccia 8 ore, possibilità di trasferte; insomma da come me l’hanno presentata e dalle testimonianze che ho letto il dipendente è trattato molto bene e messo a suo agio.

Offerta 25000/anno lordi con aumenti a scaglioni di 6 mesi fino ai 18, poi salite di livello varie ecc le classiche promozioni e minchiate per invogliare il dipendente a lavorare bene.

I pro sono:

.entrata mensile (seppur bassa rispetto alla vita improponibile di un cesso come Milano);

.vivere a Milano, che sebbene cesso, è una città viva con aspettative e possibilità, concrete e morali;

.fare un lavoro per cui ho studiato;

.lavorare in un’azienda figa;

.lavoro a tempo indeterminato;

.mangiare quello che voglio.

 

I contro sono:

.sputtanare soldi in affitto e avere un’entrata effettiva di forse 300 euro (in appartamento con altri non ci andrei più per ragioni ovvie);

.fare un lavoro che non è il lavoro dei miei sogni;

.lavorare;

.fare il dipendente come gli sfigati e arricchire non sé stessi, ma terzi;

.non avere a portata di mano i miei affetti (famiglia e amici);

.non trovare pronto in tavola;

.non trovare vestiti puliti nell’armadio;

.sgobbare per gli ultimi due punti;

.vivere in una città come Milano (sono tipo da paese, da giardino, da correre in campagna, da raccolta di uova delle galline nell’aia, da accarezzare i conigli nelle loro gabbie);

.vivere in una città mal sana;

.vivere tra extracomunitari, immigrati, gay e tante altre minoranze.

 

Io alle luce di questo una scelta l’ho già fatta.

Voi che fareste?

 

Grazie

LS

Sab

16

Set

2017

Odio Roma

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

E li Romani,

ggente demmerda nullafacente arrogante e maleducata, senza nessun senso civico, pijano pe'er c** li napoletani ma so' pure peggio 

primi fra tutti li componenti dell'apparato dirigente der comune, che hanno ridotto 'sta città piena de risorse storiche e de fascino curturale  in un porcile pe' zingari e immigrati, giusto per guadagnacce 'n po' su

Capitale unica ner monno civilizzato ad ave' 'na rete de trasporti inesistente 

io so' nata a roma e ce vivo da trent'anni, ma ovunque vada me sento morto più a casa che qqua, artro che "roma capoccia", a' venditti... ma vattelappijander**

nun vedo l'ora de trova' l'occasione bbona pe' annammene affanc** a vive artrove 

ce vorrebbe n'artro Nerone armeno se resetterebbe un po' la situazione 

io ormai me so' rassegnata e cerco de sopporta' stoicamente finché me tocca resta' ne 'sta fogna

via aji insurti mo'  daje

che tanto solo quello sapete da fa' 

 con amore,

'na romana morto delusa 

Mer

02

Ago

2017

No vabbè io strippo qui, ciao.

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Ira

Oggi: ultimo giorno di lavoro. Oggi in ufficio ci sono 31 gradi alle 10 del mattino (immaginatevi nel pieno pomeriggio) e... no... non abbiamo i condizionatori (solo 1 ventilatore). Macchine che buttano su calore continuo. NON NE POSSO PIU'. Sono arrivata alla frutta, non ce la faccio più. Sono mentalmente e fisicamente stanca. Dopo un anno che mi faccio ininterrottamene il culo e mai assenze o ferie. Vedo le 18 di oggi come un miraggio. Ieri non avevamo lavoro, sono stata tutto il giorno con un caldo ASSASSINO a girarmi i pollici sembrava tutto silenzioso tutto e tutti già iN FERIE. Alché il mio pensiero è stato "se domani è così dai... oh, non va tanto male". Oggi arrivo, apro la mail 1000 ordini, 1000 cose da fare... tutto urgente tutto subito tutto ora! Dio se mi girano i maroni. 20 telefonate, la titolare che sembra impazzita: fammi questo fammi quello, finisci questo... BASTA non ce la faccio più sto strippando.

Ma perché è sempre così? Ma perché sempre tutto all'ultimo? 

Gio

14

Lug

2016

Vuoto, tristezza,poesia,bellezza, io, voi, gli altri,una dedica, fine! Vita, va via da me, anzi resta!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Accidia

 

Quanta poesia su questo sito, quanti poeti con l'animo predisposto alla contemplazione, all'aiuto, all'ascolto. Io non ce la farei, le mie corde dell'arpa della sensibilità si tirerebbero troppo ed andrei in tilt e poi piangerei dinanzi un triste sfogo,o che parla di vuoto,dinanzi ad una vita infelice, che magari non sa nemmeno il perché. Ma sono io quella errata, sono troppo sensibile, preferisco la solitudine della penna! Le palle sbatterebbero contro le pareti del mio cuore e mi spegnerei come un vecchio flipper delle sala giochi. Forse solo troppo egoista, sì, il mio egoismo, scriverò un verso! 

Io viceversa da voi preferisco vagare, uscire, fare cose, vivere la vita, amare l'amore, in giro per le vie giorno e notte, e lasciarmi tutto alle spalle, da sola: mia unica amica Solitudine.

Di giorno come un fantasma, indifferente a tutto senza essere vista, oltrepasso la gente, sento le loro emozioni: io sono ladra di emozioni, le tolgo da loro e le conservo in me nel ripostiglio del cuore. Un buffetto a qualcuno, pisto i piedi a qualcun'altro e ne osservo la reazione.  Guardo i loro volti spegnersi nuovamente, tutti uguali, tutti in riga come marionette e mi domando il senso della vita e poi scrivo un verso! Suono un campanello e scappo via, non voglio arrendermi all'esistenza,la vita é la vera poesia, allora scelgo sempre il medesimo citofono, non uno a caso. Mi nascondo dietro l'angolo per aspettare la solita vecchietta che dopo aver detto, :"chi é?", al citofono s' affaccia indispettita alla finestra. Sempre lei, stimolo la sua vita, le sue emozioni, regalarle un tempo che di sicuro rimpiange, per poi rubarglielo subito. Infatti osservo la stizza sul viso rugoso, il segno degli anni. la sento borbottare, chiudere la finestra, ancora una volta ha vissuto,  sorrido e penso a lei nella sua piccola casa con il suo piccolo lumicino i ferri e la calzetta in una mano, sorride per aver vissuto ancora.
 

Tu vita! Sei tu il vero fantasma. Ti presentasti a me, ti burlasti di me, e ora mi costringi a varcare il tempo, a nascondermi all'angolo nel puzzo di piscio dei cani a guardare una vecchietta, regalare a lei l'amore, socrificarmi per gli altri, ma chi sono io che nemmeno mi ricordo del cordone ombelicale che usasti per legarmi a te, obbligandomi al mondo. Maledetta, ti amo e ti odio, più ti odio che ti amo! Equilibrio la mia condanna! Ti amo e ti odio allo stesso modo!

Di notte invece quiete! Vago simile ad un vampiro, un libro in una mano, racconta di una città morta. Nell'altra mano uno scettro, sono la regina di questa sperduta città. Mi nutro della notte e vomito  versi che poi imprimo col sangue della poesia.  Alzo lo sguardo al cielo, trasognante, mi sento così piccola, ricordo un testo di Ligabue, passano in me le parole del poeta romantico Van Fon Sprike, e sorgono in me mille domande, il ricordo di voi, MILLE NICK,ma una poesia solamente:

" L'immensità, quante stelle contiene? Ed io chi sono? Nulla, la meno luminosa di tutte le stelle!"

Il mare, i miei piedi sulla sabbia e scrivo un altra poesia e altre domande

" la sabbia chissà, quanti granelli contiene? Io l'ennesimo gnanello in balia del
vento! Il nulla portato chissà dove!"

Un peschereccio in lontanaza il mare che lo avvolge

" chissà quanta acqua che contiene il mare? Io un'altra goccia!Un peschereccio mi solca la schiena. Indifferenza, apatia,il nulla, tristezza, solitudine".

Fine

Dedicato a tutti voi, non come usava fare un utente tempo fa cioé a uno sì e a uno no!

Questo é il tempo della grande bellezza, della grande creazione, spero vi piaccia la mia dedica grazie

Una poeta qualunque,

Mar

09

Feb

2016

Non sto bene in città!

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Altro

Sono nata in un paesino di provincia disperso fra le montagne, sono una moderna Heidi. Sono abituata a girare a piedi e ad arrivare ovunque voglia nel giro di qualche minuto, senza perdere tempo. Se devo andare dal panettiere è lì sotto casa, le poste a 100mt, il negozio che mi interessa è dietro casa, ecc...queste sono le distanze a cui sono abituata. Ah! Dimenticavo che prima dei 20 anni non avevo mai visto una fila alla cassa. Per frequentare l'Università mi sono spostata in una cittadina decisamente più grande ma con un centro minuscolo, anche lì alla fine era tutto a portata di mano, con il vantaggio di avere più scelta e conoscere gente nuova. Poi è arrivato il trasferimento in una vera città x stare con il mio ragazzo: un dramma! Sono 2 anni che ci vivo ma conosco solo 2 vie! Lui non ha molto tempo x portarmi in giro perché lavora sempre. È tutto carissimo, distanze enormi, autobus da prendere (e soldi in biglietti), tempi biblici per fare qualsiasi commissione in giro, almeno 30min di fila alle casse del vicino supermercato e tanta solitudine. Odio questo posto! Odio le.grandi città, sto impazzendo! Mi sento una disadattata e ormai vivo chiusa in casa perché anche prendere un kg di pane al fornaio è un'odissea (infatti lo faccio in casa). ESCO solo quando strettamente necessario (e controvoglia). E pensare che quando torno a casa e mi rivedo con i vecchi amici sono sempre in giro, mi piace uscire e girare. Torno in città e vorrei morire! Sono preoccupata x il mio stato di salute psicofisica, ho paura di ammalarmi. Sono ingrassata e mi vedo brutta e apatica. Non posso però piantare il mio ragazzo che fa tanti sacrifici x noi, e non avendo io un'occupazione stabile mi sto tenendo tutto dentro, perché so che non esistono alternative (da me non c'è lavoro). Come posso fare? Mi abituero' mai???

Mer

04

Lug

2007

le donne

Sfogo di Avatar di Anonimo | Categoria: Lussuria

Ma cavolo, come si fa ad andare in giro d'estate e vedere tutte queste donne. Sono belle, bellissime le donne. Sono sotto assedio da parte della fi*** dovunque mi giro ci sono delle donne che per un motivo o per l'altro mi piacerebbe farmi. Una per come si muove, un'altra perchè ha i tacchi alti e ci cammina bene, una perché ha un bel viso, una perche ha la gonna lunga e stretta, una perchè invece l'ha corta e larga, una perchè è matura, un'altra perchè è un bocciolo di rosa, una perchè ha le tette grosse....