Gio

13

Ott

2016

perplessità...

Sfogo di Avatar di CriseideCriseide | Categoria: Ira

Giorni difficili, di enorme stress.

A casa, litigate furiose in famiglia. Liti in cui non sono coinvolta, ma due giorni di musi lunghi sono comunque duri da mandare giù.

A lavoro? Camionisti maschilisti che hanno deciso che ero la loro segretaria. In realtà non era neanche questione di maschilismo, non solo. La questione era che erano proprio delle teste di cazzo, che hanno trattato tutti quanti in azienda come i loro servi personali. Con i nostri clienti, che erano i veri referenti, che, quando hanno visto che questi cominciavano a far la voce grossa, si sono defilati. Mio padre, l'unico con abbastanza palle da rimetterli al loro posto, non c'era.

Io, con ancora addosso un po' di paura degli uomini, intesi come maschi, da sola in ufficio, con questi qui, turchi e chiaramente abituati alle donne sottomesse, che speravo non si mettessero a fare tiri strani tipo allungare le mani. Ho risposto male a ogni mancanza di rispetto, già pronta a urlare talmente forte da buttare giù l'intero capannone. Per colpa loro sono rimasta pure un'ora in più a lavoro, con una tensione incredibile addosso. E mi sono pure scoperta razzista.

Un magone allucinante. Una voglia di piangere che mi trascinavo da giorni. Ma niente, ancora non ci sono riuscita.

A sera, mi sono avviata in palestra. Lezione di arti marziali. Finalmente posso scaricare la tensione a suon di pugni. E niente, c'è il mio ex. Una parte di me vorrebbe urlargli "ma si può sapere che cazzo ci fai ancora qui??? Ma non mi puoi lasciare in pace???"

Non lo posso fare. L'unica alternativa possibile, per me, sono le lacrime. E scoppio a piangere. E lui arriva, in sella al suo cavallo bianco, pronto a salvarmi. Sono talmente sconvolta che cedo, e gli confido che sto male, il periodo di merda a casa, le giornate pesanti a lavoro, e sto male per lui.  Continuo a dirgli che secondo me, continuando a vederci in palestra, ci facciamo solo del male. 

Mi chiede perché ho deciso di lasciarlo. Glielo spiego. Per l'ennesima volta. Non sembra capire che non ne potevo più di ragionare sempre e solo secondo la sua testa, che era pesante, per me, non poter dire la mia opinione perché trovava sempre e comunque il modo per demolirla, che ero stufa di avere una persona che tentava di correggere i miei modi di fare, del tipo che, se volevo mangiare qualcosa con le mani (del tipo una torta salata, mica il minestrone) mi sentivo dire che ero una mezza selvaggia. Non capisce. Tuttavia, fa finta di accettare. Meglio, non ho voglia di discutere. Mi dice cose del tipo che, quando non gli ho dato nessuna speranza per noi due, l'ho ferito e non devo dirgli certe cose. Non avevo la forza di dirgli che, comunque, quello che gli avevo detto corrispondeva a verità. Non voglio tornare con lui. E ho preferito essere brutale perché non si crogiolasse in una falsa speranza. Già fino a quel momento le cose erano molto strane. Ero già sul chi vive dal momento in cui sono scoppiata in lacrime. Lui continua ad abbracciarmi, a dirmi che vuole che restiamo amici. Poi comincia a dirmi a bella posta cose che, effettivamente, non ho bisogno di sapere. Che me ne frega se l'ex di una mia amica, che è amico suo, ora mi odia? Insomma, ho osato continuare la mia amicizia con lei, caspita! E poi ho ferito lui! Come mi permetto di esistere???

Eh. quindi?

Poi, gli chiedo se, per favore, può smettere di venire in palestra. Tanto, il nostro insegnante a lui fa anche lezioni private e quel corso in particolare non glielo fa pagare, dal momento che, ogni tanto, il mio ex lo sostituisce all'altro corso che frequenta con lui. So che non dovrei chiedere una cosa del genere, ma so anche che anche il corso di arti marziali che faccio mi serve davvero, e l'unico insegnante di cui mi fido è quello da cui andiamo entrambi. è lui ad avermi spinto a parlare con qualcuno dello stupro che ho subito. Non andrei da nessun altro. Il mio ex lo sa. Tuttavia, la sua risposta è "so perfettamente perché fai quel corso, ma ho pensato che, visto che mi hai lasciato tu, chi dovrebbe mollare il corso saresti tu." Mi cascano le braccia. Sento quasi il doppio "sock" che fanno, schiantandosi a terra. Poi mi dice che dalla prossima settimana comincerà a lavorare, quindi non farà a tempo a venire in palestra per il primo corso. Sospiro di sollievo.

Poi mi dice che, nel frattempo, è uscito con due ragazze. Mh. Ho dovuto mordermi la lingua per non dirgli "e quindi?". La verità è che la cosa non mi fa né caldo né freddo.

Altra cosa che mi lascia perplessa. Pare che i suoi genitori ce l'abbiano con me. Altra cosa che, a conti fatti, non mi  cambia la vita. Anzi, mi fa tirare un sospiro di sollievo, dal momento che, sembra, senza saperlo avevo una relazione anche con loro. Subito dopo, mi dice che devo andarmi a prendere un po' di roba che è rimasta da lui. Non mi aveva già riportato tutto? No, a quanto sembra. In verità già sapevo che non l'aveva fatto, ma non avevo detto nulla. Gli ho chiesto se poteva riportarmi tutto quanto. E lui "non ce la faccio, sto troppo male all'idea. Vieni tu."............................................................... A casa tua? Con i tuoi che mi odiano?? Ma sei serio??? "ma li tengo a bada io!".................................................................................................... sssssè! Ooooooooooooooooook!

Rispondo di sì. Meno male che una mia amica si è offerta di andare al posto mio! Dovrò vedere come muovermi. Anche perché si tratta di alcune cose a cui tengo, regali di mia mamma, cose che volevo regalare a mia nipote.

"Avevo comprato l'anello di fidanzamento già da due anni". Bene. Ok. Perché non me lo hai mai dato? Vedi che non eri convinto nemmeno tu di noi due?

Poi: "se vorrai ritornare, dovrai riconquistarmi." mh. Me lo segno. Tralasciando il fatto che, probabilmente, se veramente volessi riconquistarti, mi basterebbe uno schiocco di dita e saresti ai miei piedi. Non lo voglio fare, non ti amo più, e non sono così stronza da giocare con i tuoi sentimenti, ma neanche tu sei la roccia che credi di essere. "e se tornerai, non preoccuparti, tengo a bada io chiunque abbia da dire qualcosa". E questo dovrebbe mettermi voglia di ritornare?

Non ce la posso fare. Stasera avrei un'altra lezione. Ho dovuto mandare un messaggio al mio insegnante e dirgli che non ce la faccio a venire, e perché. So che ho deciso io, so che non potevo aspettarmi reazioni diverse. So che da adesso io, per lui e per chiunque ascolti solo la sua campana, sarò la stronza che gli ha spezzato il cuore. Ma in quale angolo dell'universo sta scritto che devo comunque sottostare ai suoi tentativi di farmela pagare?

9 commenti

Prendi bastone spaca gambine. A tutti. Turchi compresi.

Avatar di prepuzioprepuzio alle 14:41 del 15-10-2016

si sta comportando male, mi pare. è la conferma che hai fatto la scelta giusta.

di solito quando si esce da una relazione mancano gli amici di prima, che non abbiamo frequentato perché impegnati col partner. hai questo problema anche tu?

secondo me se trovi / ritrovi un po' di compagnia sana acceleri il processo d'uscita.

a parte lo stress sta andando tutto bene.

peccato perché i suoi sono simpaticissimi, e lui un vero gentleman.

stammi bene. domani sarà meglio di oggi.

 

 

Avatar di OldJoeOldJoe alle 15:18 del 15-10-2016

PS: dignità da parte sua zero. almeno da quello che scrivi.

 

Avatar di OldJoeOldJoe alle 15:22 del 15-10-2016

Ciao, Joe. In realtà, della compagnia che frequentavamo regolarmente, la maggior parte non era nella compagnia fissa, quindi li vedo ancora. Ce ne sono alcuni che vedono solo lui, ma di questi mi mancano due persone e basta. Gli altri se ne vadano pure a quel paese.

E adesso ho pure scoperto che l'inizio del suo lavoro è slittato di una settimana... fantastico, direi!

Avatar di CriseideCriseide alle 11:12 del 17-10-2016

Sei asfissiante...fossi in te mi terrei stretto quel poveretto che ancora ti vuole, certi uomini sono votati al martirio.

ps i turchi arrapati, i napoletani e quelli del sud poco simpatici...la tua razza invece ti piace? No, perché fai salire l'ansia, sai, la vita giá é brutta.

Avatar di AragonAragon alle 12:13 del 17-10-2016

Aragon, che schifo di persona, sei. Mi eri anche simpatica. Ma adesso mi sei proprio scaduta.

Avatar di CriseideCriseide alle 15:42 del 17-10-2016

Anche perché, non ho mai fatto capire che odio i meridionali, ho avuto semplicemente brutte esperienze e mi fido poco.

La mia razza... come no.

Che schifo, davvero.

Avatar di CriseideCriseide alle 15:45 del 17-10-2016
Ma io non so se ci fate o ci siete

tu hai avuto l'inculatura da un meridionale e generalizzi in sto modo, questa é ignoranza pura e semplice (quando poi sei di tuo pesante e asfissiante, nota che reazione drammatica hai avuto nel rispondermi e prevedo, con ampio margine di certezza, che di inculature ne avrai prese anche dai maschi della tua razza), i turchi lí per saltarti addosso, i camionisti maschilisti, a me per dirti che sei asfissiante 'schifo di persona', cosa manca per farti esplodere in un'altra crisi isterica? Che ti cada il gelato?

 

Avatar di AragonAragon alle 17:59 del 17-10-2016

Aragon, no. Ripeto, io ho avuto pessime esperienze, quindi mi fido poco.

Io, a differenza tua, riconosco che ho pregiudizi. Non sono ipocrita al punto tale da negare che il razzismo esista e ne siamo affetti tutti, ma cerco in tutti i modi di non usarlo come unico filtro per conoscere gli altri. Altrimenti, non si spiegherebbe perché ho amici meridionali, stranieri, gay, "ragazze usate" (come va di moda chiamarle in questo sito), ti pare?

Non ho mai detto che quei camionisti erano pronti a saltarmi addosso, ho detto che erano chiaramente abituati a fare i comandini con le donne a casa loro.

Comunque, mi spiace dirlo in questi termini, ma fatti violentare e poi dimmi se non avrai paura di un uomo. Non è una cosa che si recupera in fretta, la fiducia negli altri, dopo un evento simile. E sì, gioia, sono stata violentata quasi sette anni fa e sì, da allora faccio fatica a conoscere altri uomini, qualunque provenienza essi abbiano!

Ultima cosa: sì, mi fai schifo, perché pretendi di conoscermi da questi sfoghi, peraltro perché ho osato contraddirti in passato, quando hai dato ragione a christian1992. Come se io, nella vita reale, fossi esattamente come mi presento qui, quando, in realtà, sfogandomi qui, sto usando questo sito come spazzatura dei miei pensieri, pensieri che possono avere tutti quanti. Non siamo monocromatici, anche il più buono di tutti ha dentro di sè un lato oscuro. Io lo sfogo qui, puro e semplice.

Avatar di CriseideCriseide alle 08:57 del 19-10-2016

Inserisci nuovo commento



Attenzione: i commenti sono moderati per i non iscritti.

Statistiche:

Voto medio

0 VOTI

Iscriviti per poter votare questo sfogo.
 

Iscriviti!

Iscriviti
Iscriviti e potrai aggiungere commenti senza attendere approvazioni, votare gli sfoghi e gestire i tuoi post ed il tuo profilo senza limitazioni.
Clicca qui per aggiungerti